Free tour nel cervello di una svarionata (e lo so che "dull" non vuole la esse…)

Γνῶθι σεαυτόν

Riportiamo in auge il Questionario Proust – seconda parte

Succede sempre così, che vedo una cosa, mi seduce, ne voglio sapere di più e mi va in loop il cervello. Che poi sia un caldo pazzesco e mi sia fusa la lucidità è un grazioso surplus alla follia che fa pendant con il mio essere di oggi.
Ecco un’altra versione del celebre questionario, questa volta estratto da un sito di psicologia.
Il secondo round di apertura sul Fedelm-pensiero che forse sarebbe stato meglio omettere (ma quando mi parte la rotella, mi parte…)


Che cosa è la perfetta felicità?
Smettere di chiedersi “Cosa mi manca?” 

Quale è la tua più grande paura?
Essere perfettamente felice.

Con quale personaggio storico ti identifichi di più?
Nessuno. Chiunque sarebbe troppo e troppo poco per me.

Quale personaggio vivente ammiri di più?
Tiziano Terzani. Lui vive ancora.

Che cosa ti piace di meno di te?
I muscoli. Dove la vita ha colpito troppo rigidi, altrove troppo teneri.

Quale è la massima stravaganza della tua vita?
Essere felice in my own way alla facciaccia di tutti.

In che occasione dici bugie?
Quando ho paura di non essere all’altezza. 

Che cosa ti piace di meno del tuo aspetto?
Oltre alla succitata parte inferiore del corpo, le mani.

Quale è la persona che meno ti piace?
Chi mi imbroglia.

Quale è il grande amore della tua vita?
Scrivere.

Quando e dove sei stato più felice?
Bretagna, 2006 se non vado errato.

Di quale virtù ti piacerebbe disporre?
Perseveranza.

Quali sono i tuoi punti di forza?
Disponibilità, pazienza, testardaggine, adattabilità, sopportazione e fede incrollabile in quel che faccio.

Quale è il tuo attuale stato d’animo?
Lo stesso che ha un gomito dopo aver preso la scossa contro uno spigolo.

Quale è la cosa più preziosa che possiedi?
La mia famiglia.

Cosa è il peggio che ti possa capitare?
Perdere definitivamente chi amo in senso lato, non solo con la morte.

Dove vorresti vivere?
Roma per l’Italia. New York per l’estero.

Quale è la tua occupazione preferita?
Stare bene con gli amici.

Chi è il tuo eroe vivente?
Non pervenuto. Gli eroi sono necessariamente morti.

Chi sono i tuoi scrittori preferiti?
Le sorelle Brontë, Tolkien, Dostoevskij.

Come vorresti morire?
Se avessi una seconda possibilità in questa vita (ma spero tanto di no), vorrei morire di troppo amore.

Quale è il tuo motto?
In alternanza al già dichiarato, “Mi freghi una volta sola”.

E ora speriamo che sia l’ultimo questionario che posto, almeno per la giornata…

Annunci

Riportiamo in auge il Questionario Proust!

Direttamente da uno dei blog che seguo con maggior interesse

IL QUESTIONARIO PROUST

Vale a dire la perfetta mescolanza tra la mia personale smania di psicanalizzarmi con test e prove psicologiche e lo spauracchio eterno che associo al nome dello scrittore francese (imbarcarsi a leggere “À la recherche du temps perdu” è stata una follia di cui ancora risento…). Vediamo che ne esce.

Il tratto principale del suo carattere?
L’ipersensibilità.

La qualità che preferisce in un uomo?
Per fare un uomo ci vorrebbero molte qualità ma dovendo restringere il campo la decisione.

E in una donna?
Il coraggio.

Il suo principale difetto?
L’incostanza.

Il suo sogno di felicità?
Una grande famiglia in reciproco accordo, unita e forte, che sappia affrontare le eventuali difficoltà a testa alta, senza abbattersi.

Il suo rimpianto?
Aver vissuto credendo che la vita sarebbe stata più accondiscente con me dopo quello che ho passato.

L’ultima volta che ha pianto?
Giovedì notte. Un pianto senza grandi eccessi che mi ha pulita.

L’incontro che le ha cambiato la vita?
Una donna anziana, di cui non ricordo il nome di battesimo. Stava peggio, molto peggio di me ma aveva il doppio della mia voglia di vivere.

Sogno ricorrente?
Prima della patente, guidare in ciabatte. Ora uscire con un gran bel vestito e  i calzettoni di pelo… (sì lo so, è scemo)

Il giorno più felice della sua vita?
Un mercoledì del gennaio 1991.

E il più infelice?
Quando è morto nonno.

La persona scomparsa che richiamerebbe in vita?
Nonno. Anche solo per restar lì a guardarlo sorridermi.

Quale sarebbe la disgrazia più grande?
Scoprire di essere pedine di un gioco in cui tutto era prestabilito al dettaglio fin da principio.

La materia scolastica preferita?
Letteratura.

Città preferita?
In Italia, Roma. All’estero, Vienna.

Il colore preferito?
Il rosso.

Il fiore preferito?
La fresia.

Bevanda preferita?
Un buon Cartizze.

Il piatto preferito?
American boy.

Il suo primo ricordo?
La mia amica Daiana.

Libro preferito di sempre?
Non ti muovere di Margaret Mazzantini (opinabile).

Libro preferito degli ultimi anni?
Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley (molto opinabile).

Autori preferiti in prosa?
Hardy, Austen, Hemingway.

Poeti preferiti?
Neruda, Thomas, Montale, Luzi.

Cantante preferito?
Freddie Mercury.

Il suo eroe o la sua eroina?
Elisabeth von Wittelsbach.

I suoi pittori preferiti?
Gustav Klimt, Giovanni Boldrini, Pierre-August Renoir, Caravaggio.

La trasmissione televisiva più amata?
Quelle di Fiorello (almeno rido un po’).

Film cult?
“Umberto D.”

Attore preferito?
Attualmente Michael Fassbender ma di tutti i tempi penso Laurence Olivier.

Attrice preferita?
Kate Winslet.

La canzone che fischia più spesso sotto la doccia?
Sapessi fischiare…

Se dovesse cambiare qualcosa nel suo fisico, che cosa cambierebbe?
La parte inferiore: più magra, più tornita, più lunga, piedi più piccoli magari. Consegna in giornata possibilmente, grazie.

Personaggio storico più ammirato?
Elisabeth von Wittelsbach (eh, quella mi piace U_U)

Personaggio politico più detestato?
Adolf Hitler.

I nomi preferiti?
Quelli strani, che non si sentono in giro.

Quel che detesta di più?
La saccenza.

Se potesse rinascere in chi o in che cosa si reincarnerebbe?
In me stessa. Non c’è nulla di più gioioso e crudele che riprovare ad essere se stessi.

Se non avesse fatto il mestiere che fa?
Il medico. C’ho provato pure ma il mio destino era diverso dalle mie scelte.

Il dono di natura che vorrebbe avere?
Saper scrivere bene senza che mi si inceppino le meningi.

Il regalo più bello che abbia mai ricevuto?
Una nascita.

Come vorrebbe morire?
Cantando.

Stato d’animo attuale?
Incerto.

Le colpe che le ispirano maggiore indulgenza?
Gola e pigrizia.

Il suo motto?
Credere sempre, abbattersi mai.