Free tour nel cervello di una svarionata (e lo so che "dull" non vuole la esse…)

Go straight to the point

Ci sto provando con tutta me stessa. Prendere l’energia e impacchettarla, veicolarla verso il punto in cui ho deciso che debba andare. Perché il percorso l’ho stabilito, da prima di questi ultimi giorni, anche se l’ho formulato chiaramente all’inizio della settimana. In cuor mio sapevo e so dove devo andare. E lì vado, con quello che mi costa in termini di ferite e delusioni.
Faccio come dal dentista: tolgo il dente marcio. Ci metto un po’ di anestesia, che è questo tempo che mi concedo e mi è concesso per prepararmi all’azione, ma di fatto non so se l’anestetico copre almeno una buona parte del dolore. Con il precedente rapporto, se così lo si può considerare, mi aspettavo una separazione più complicata e invece rompere è stato surrealmente facile. In questo caso ne dubito ma credo anche nell’imprevedibilità delle cose e in essa ci sguazzo. Fa bene anche quella, eccome se fa bene.

C’è da dire che, nonostante il periodaccio che vivo, sto reagendo meglio di quello che credevo. O la psiche mi ci illude. Il corpo ancora non risponde ma ci sto lavorando. La calma, e soprattutto la costanza, portano risultati incredibili. Io a costanza sto a zero; mi armerò di una dose doppia di calma.

Intanto affronto le cose al meglio che posso. Sono fatta di carne, mannaggia a me.

Annunci

Commentino?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...