Free tour nel cervello di una svarionata (e lo so che "dull" non vuole la esse…)

Archivio per agosto, 2012

Con dentro il sole più grande che c’è

Sono un cuore di pessima categoria, di quelli che sembrano dimenticare con il tempo (tanto tempo) gli sguardi, i pensieri, le voci ma che di fatto cementano negli angoletti bui ogni grammo di quei ricordi che han saputo essere più persistenti degli altri. Non so fare mai a meno di cercare le tracce sparse di chi è stato dentro me, sono e rimango per mia propria volontà un’assassina che torna sempre sul luogo del delitto.

Di Fabio ho ormai perso ogni collegamento che avevo: non vive più dove stava al tempo che ci frequentavamo, non so dove lavori ora, probabilmente è sposato ed è meglio non andare a smuovere nulla per non creargli problemi. E non farmi partire la brocca se dovessi risentire la voce di cui mi ero innamorata…
Mao l’ho cercato questa primavera, più volte; tempo fa sono passata da dove lavorava e mi sono mancati un paio di battiti al ritmo cardiaco. Lui sì che è svanito ma ho ancora il suo numero nel cellulare. Grandissima tentazione…
Quanto a Lui, eh…

Lui è stato male per un lungo periodo, non so di cosa, ma bene non stava. Non potendo chiedere agli amici comuni per il rischio che venga a sapere che mi interesso e mi si accanisca nuovamente contro, l’ho seguito da lontano, in disparte. Il che fa tanto romanzo rosa, con lei che, pentita, sta spiritualmente vicino all’uomo che ha amato e che non riesce a togliersi dalla testa anche se ora è diventato un solido osso del suo corpo. Però è questo che ho fatto in questi anni, specie negli ultimi cinque.

Seguirlo da lontano. Di nascosto.

E l’altra sera, tra le foto del suo profilo facebook, finalmente sorride come quando l’ho conosciuto. Negli occhi ha di nuovo quell’esplosione di luce, di violenta voglia di vivere che era scomparsa da tanto tempo. Non importa se non sento più la sua voce, se non mi accarezza il pensiero di lui che immagina il mio viso mentre siamo al telefono o il suo modo di dirmi che non devo preoccuparmi, che si sistema tutto: in quelle foto ho ritrovato l’uomo che mi è stato accanto un secolo e sono felice. Felice di portarlo ancora nel cuore.

Annunci