Free tour nel cervello di una svarionata (e lo so che "dull" non vuole la esse…)

Riportiamo in auge il Questionario Proust – seconda parte

Succede sempre così, che vedo una cosa, mi seduce, ne voglio sapere di più e mi va in loop il cervello. Che poi sia un caldo pazzesco e mi sia fusa la lucidità è un grazioso surplus alla follia che fa pendant con il mio essere di oggi.
Ecco un’altra versione del celebre questionario, questa volta estratto da un sito di psicologia.
Il secondo round di apertura sul Fedelm-pensiero che forse sarebbe stato meglio omettere (ma quando mi parte la rotella, mi parte…)


Che cosa è la perfetta felicità?
Smettere di chiedersi “Cosa mi manca?” 

Quale è la tua più grande paura?
Essere perfettamente felice.

Con quale personaggio storico ti identifichi di più?
Nessuno. Chiunque sarebbe troppo e troppo poco per me.

Quale personaggio vivente ammiri di più?
Tiziano Terzani. Lui vive ancora.

Che cosa ti piace di meno di te?
I muscoli. Dove la vita ha colpito troppo rigidi, altrove troppo teneri.

Quale è la massima stravaganza della tua vita?
Essere felice in my own way alla facciaccia di tutti.

In che occasione dici bugie?
Quando ho paura di non essere all’altezza. 

Che cosa ti piace di meno del tuo aspetto?
Oltre alla succitata parte inferiore del corpo, le mani.

Quale è la persona che meno ti piace?
Chi mi imbroglia.

Quale è il grande amore della tua vita?
Scrivere.

Quando e dove sei stato più felice?
Bretagna, 2006 se non vado errato.

Di quale virtù ti piacerebbe disporre?
Perseveranza.

Quali sono i tuoi punti di forza?
Disponibilità, pazienza, testardaggine, adattabilità, sopportazione e fede incrollabile in quel che faccio.

Quale è il tuo attuale stato d’animo?
Lo stesso che ha un gomito dopo aver preso la scossa contro uno spigolo.

Quale è la cosa più preziosa che possiedi?
La mia famiglia.

Cosa è il peggio che ti possa capitare?
Perdere definitivamente chi amo in senso lato, non solo con la morte.

Dove vorresti vivere?
Roma per l’Italia. New York per l’estero.

Quale è la tua occupazione preferita?
Stare bene con gli amici.

Chi è il tuo eroe vivente?
Non pervenuto. Gli eroi sono necessariamente morti.

Chi sono i tuoi scrittori preferiti?
Le sorelle Brontë, Tolkien, Dostoevskij.

Come vorresti morire?
Se avessi una seconda possibilità in questa vita (ma spero tanto di no), vorrei morire di troppo amore.

Quale è il tuo motto?
In alternanza al già dichiarato, “Mi freghi una volta sola”.

E ora speriamo che sia l’ultimo questionario che posto, almeno per la giornata…

Annunci

Commentino?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...