Free tour nel cervello di una svarionata (e lo so che "dull" non vuole la esse…)

Ci riprovo – sessione 2009

E’ di nuovo gennaio e con l’inizio dell’anno avanza l’evento poetico da me prediletto.
Mancano pochi giorni alla chiusura del premio e ho la strizza: quest’anno per metter giù una poesia umana mi ci è voluto uno sforzo immane! Per inciso, non è che mi manchi l’ispirazione o la voglia: di ispirazione ne ho a iosa, dato il momentaccio che sto passando, e la voglia, beh, quella è come l’aria che respiro. Solo che ho troppa roba che ribolle nel mio pentolaccio e stento a mescolarla in maniera pressapoco coordinata…
L’altra sera, dopo aver chiuso baracca e burattini del teatrino internettiano, qualche fumo allucinogeno-poetico mi ha avvolto per bene: ho incastrato, letteralmente, le auricolari nelle orecchie con la suadente voce di Peter Cincotti e son partita a scrivere. Su un foglio di carta vera. Con una Pilot vera. Una poesia vera. Ieri sera l’ho messa a pc e ora la sto per spedire.
Scritta bene è scritta bene, ma ho come l’impressione che manchi di qualcosa. Probabilmente sono io che manco sempre di qualcosa. Fed l’Incompleta. Fed l’Imperfetta.
Che sono Imperfetta lo sapevo già da me, e lo sa pure l’Angelo Custode, che me lo ripete ogni tanto con tutta la dolcezza di cui è capace. Ecco: non è che vorrei essere perfetta [tranne nell’accezione che si riferisce all’esserlo per quella persona che so io e della quale ho deciso di cancellare con la soda caustica ogni traccia (mai stato tanto doloroso, specie se, dopo aver preso questa decisione, lui ricapita a sorriderti nel suo splendore… eh sì, perchè, sul più bello che cerco di dimenticare, lui riprende a comparirmi davanti)], mi basterebbe essere abbastanza a posto per vivere bene in questa vitaccia che ho.

<rileggendo quel che ha scritto>
Ma si può sapere perchè, in ogni discorso che impianto, fosse anche parlare di fotosintesi clorofilliana, finisco sempre con il suo nome sulle labbra? Potessi strapparmele, quelle maledettissime labbra!

Vado a spedire ‘sta benedetta poesia prima di andare in crisi nera e avere miliardi di dubbi su me, su lui, su noi, sul futuro e la Poesia Bastarda che porto dentro…

Annunci

Commentino?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...