Free tour nel cervello di una svarionata (e lo so che "dull" non vuole la esse…)

Sono cose della vita

Stamattina non avevo voglia di alzarmi. Troppo sonno. Per quanto dorma, sto sempre in deficit. Dormo ovunque: dal treno alla sala studio, dalla panchina ai sassi in montagna, pure nel chiostro universitario ho dormito un po’ di volte. Per ora l’autobus però non sono ancora riuscita a sperimentarlo… troppo brevi i tragitti che fa.
Insomma, non c’avevo voglia di aprire gli occhi, sebbene avessi dormito abbastanza bene. Ma mi sono alzata. Per dovere o per necessità di andare a fare il lago dei Cigni in un luogo più consono del mio lettone. Mi sono preparata per andare a colazione. Calma piatta, una giornata pallosa come tante altre. Poi, d’un tratto, mi cambia tutto.
Mio padre sclera contro di me per problemi che io gli avrei creato con il lavoro. Problemi che, di fatto, non ci sono, ma lui oggi è incazzato nero con se stesso e pur di non sfogarsi su di sé, scarica su qualcun altro. Mi insulta. Non sono farina per ostie io. Ribatto. Le parole mi escono dalla bocca come se non fossi io a dirle. E sì che è la mia voce, è il mio modo bizzarro di esprimermi. Ma il bello è che ero infuriata per quel che ha detto ma dentro di me c’era una calma e una pacatezza tali che mi hanno disorientato. Non ho perso la calma. Non ho alzato la voce. Non mi sono rivolta a lui come, forse, avrebbe meritato. E, cosa più grande di tutte, non mi sono lasciata ferire da quel che ha detto. L’infervoramento e la rabbia sono state condizioni momentanee funzionali allo scatenamento della mia reazione. Niente di più.
A girare per la città sulla strada consueta per l’università mi sono sentita bene, anzi, direi migliore. Più saggia, e persino più magra! Avrei potuto conquistare il K2 stamattina! Ancora adesso, a distanza di tante ore, la cosa non mi pesa. Al contrario, mi ha fatto stare bene. Serena.
Forse, finalmente, mi sto dando una regolata. E, come direbbe mia madre, era ora!

Annunci

Commentino?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...